Fiab Bari Ruotalibera aderisce a
FIAB Federazione italiana amici della bicicletta ECF European Cyclists' federation

L’oasi WWF di Monte Sant’Elia

Domenica, 20 Marzo, 2011 - 00:00 a 23:59

20 marzo 2011

L’oasi WWF di Monte Sant’Elia

Treno + Bici a cura di RUOTALIBERA Bari

ORARI

  • Raduno ore 7.55 Stazione Centrale, Piazza Moro, Bari
  • Partenza da Bari ore 8.13 con arrivo a Gioia del Colle ore 8.54.
  • Rientro in treno da Massafra alle 17.02 , con arrivo a Bari alle 18.11.

ISCRIZIONI

Si effettuano martedì 15 marzo presso la sede in Via De Nittis , n. 42 (20.30-22.00). Il costo, comprensivo dell'assicurazione, dei biglietti ferroviari e del contributo per l'oasi, è di Euro 15 per i soci e di Euro 20 per i non soci alla prima escursione.

Capogita: Antonio Rotolo (347-4946958) Francesca Cavicchia (348-9261553).

NOTE TECNICHE

  • Lunghezza del percorso in bicicletta: 60 KM. Difficoltà: medio/bassa
  • E’ obbligatorio partecipare con biciclette in buona condizione, dotate di cambio e freni efficienti.Controllate la vostra bici in anticipo, munitevi di almeno una camera d’aria di riserva e del necessario per le riparazioni d’urgenza.
  • Colazione rigorosamente a sacco. Ognuno per sé e tutti per il capogita.
  • E’ consigliabile munirsi di mantellina per la pioggia e di un cambio di riserva.
  • Ricordate che il buon senso impone l'uso del casco e che il viaggiare in bici non ci esime dal rispetto del codice della strada. Inoltre va rispettato il regolamento di gita.
  • Il capogita guida il gruppo, fa l’andatura e non va mai superato. Si ringraziano i soci che fungeranno da servizio d’ordine e da scopa.
  • I non soci possono partecipare alle escursioni solo una volta senza tessera associativa
  • L’associazione non si assume alcuna responsabilità per incidenti e danni a persone o cose che dovessero verificarsi nel corso della giornata. L’iscrizione costituisce autodenuncia di buone condizioni fisiche e mentali.
  • L’itinerario è a cura dell’associazione RUOTALIBERA Bari, in collaborazione con l'Ufficio Trasporto Regionale di Bari.

 

ITINERARIO

 

   Con partenza dalla stazione di Gioia del Colle ci avventureremo tra strade immerse nella campagna che, attraversando il territorio di Noci e di Massafra, ci porteranno fino a quota 400 metri e fino alla nostra destinazione: l’Oasi del WWF di Monte Santa Elia. L'Oasi interessa un'area collinare incastonata nel versante meridionale delle Murge orientali da cui si domina il Golfo di Taranto e ha un'estensione di circa 100 ettari. E’ in gran parte ricoperta da una fascia boscosa (bosco Caracciolo), che parte da Mottola e giunge fino a Martina Franca. La vegetazione assume la classica fisionomia della macchia mediterranea e presenta una eccezionale ricchezza floristica passando dalla gariga al bosco nel giro di pochi passi. Numerosissime sono le orchidee spontanee. Nel bosco Caracciolo predomina il querceto, prevalentemente Lecci e Fragni, mentre nella macchia sono presenti il lentisco il mirto e il corbezzolo. Sono associati spesso il biancospino, il prugnolo e l’olivastro e tra i bassi arbusti troviamo rosmarino e timo.

   Quest'Oasi WWF protegge il paesaggio tipico pugliese dove si possono osservare insieme alle meraviglie della natura le tipiche strutture pugliesi: i trulli. Infatti comprende una masseria costituita da vari nuclei abitativi, tra i quali anche un complesso di 17 trulli che in base alla tipologia costruttiva si possono datare VII° secolo. Alle spalle dei trulli sono presenti alcuni “jazzi”, tipici recinti per animali realizzati in pietra a secco. La valenza faunistica è elevatissima, in quanto sono presenti diversi rapaci della famiglia dei Falchi, il Gufo reale e molti altri che durante la primavera risalgono la costa ionica, attraversano e superano le Murge per spingersi sul versante adriatico della regione e continuare il viaggio verso nord.

   Altre specie interessanti sono il succiacapre, l’upupa, la ghiandaia marina e il passero solitario.

   Relativamente ai mammiferi, di particolare interesse è la presenza dell’istrice, il tasso, la volpe, la faina e la donnola.Immersi nella natura ci fermeremo a consumare il nostro “parco” pranzo e un responsabile dell’Oasi ci illustrerà le meraviglie dell’Oasi.

   Subito dopo ripartiremo a cavalcioni delle nostre amate biciclette per scendere fino alla volta della stazione di Massafra, ammirando splendide panoramiche vedute del Mar Jonio.

AllegatoDimensione
Microsoft Office document icon oasiWWF.doc28.5 KB