Fiab Bari Ruotalibera aderisce a
FIAB Federazione italiana amici della bicicletta ECF European Cyclists' federation

CyronMed al ComPA e alla Conferenza nazionale Bici

Dal sito istituzionale della Regione Puglia

Giovedì 8 novembre alle 12 nello stand della Regione Puglia, all'interno del Salone della Comunicazione Pubblica di Bologna, e Sabato 10 novembre a Milano nell'ambito della Prima Conferenza nazionale sulla Mobilità Ciclistica, verrà illustrato il progetto di cooperazione transnazionale CYRONMED - Cycle Route Network of the Mediterranean - per lo studio di una Rete Ciclabile del Mediterraneo, promosso e coordinato dall'Assessorato ai Trasporti della Regione Puglia. Relatore Raffaele Sforza, funzionario regionale e Coordinatore di progetto.

Al progetto, finanziato interamente con fondi Interreg IIIB Archimed, partecipano anche le Regioni Basilicata, Campania e Calabria, le Municipalità greche di Atene e Karditsa, l'Ente del Turismo di Cipro e il Ministero dello Sviluppo Urbano di Malta.

L'Assessore regionale ai Trasporti Mario Loizzo dichiara: "Siamo ormai alle battute finali di un progetto ambizioso che ha visto per la prima volta la Puglia fare da apripista in area euro-mediterranea e, tramite un progetto Interreg, promuovere lo studio di una Rete Ciclabile transeuropea costituita degli itinerari ciclabili di media-lunga percorrenza delle reti ciclabili "EuroVelo" e "Bicitalia". Entro fine anno gli uffici dell'Assessorato metteranno insieme tutti i progetti conclusi da ciascun partner per averne uno complessivo. Verrà così delineata sulle carte la prima Rete del Mediterraneo di itinerari ciclabili di media-lunga percorrenza, lunga in totale circa 15.000 Km. Di questi circa 2.000 riguarderanno la Puglia che verrà quindi attraversata da cinque itinerari principali oltre alle loro varianti. Il passo successivo sarà quello di iniziare a spendere i 10 milioni di euro che la Regione intende destinare specificatamente, e trasformare lo studio di fattibilità in opere ciclabili, anche recuperando strade secondarie e di servizio e infrastrutture ferroviarie dismesse. Tra queste le più significative riguardano i vecchi tracciati ferroviari abbandonati della Bari-Taranto nelle tratte Bitetto-Acquaviva, di circa 25 Km e Gioia Palagianello di circa 21".